Siamo nell’ultimo minuto di gioco. Il cronometro dice 95’. La Lazio è in svantaggio. Serve un guizzo, un colpo di genio. Felipe Anderson conduce l’ultima azione biancoceleste e crossa al centro dell’area. Lo spiovente è teso e basso, Immobile taglia l’area e sa che il pallone cadrà lì. C’è un solo modo per spedirla in fondo al sacco. Colpire di tacco.

Una rete incredibilmente bella quanto importante. Il numero 17 della Prima Squadra della Capitale ha preso per mano i propri compagni di squadra, trascinando la compagine biancoceleste ad un pareggio in extremis.

Immobile, inoltre, ha messo a segno la sua 60ª rete in maglia biancoceleste, la 24ª nell’edizione corrente della Serie A TIM e la 34ª in stagione. L’attaccante classe ’90 è a sole due reti dal record di reti in un singolo campionato nella storia biancoceleste: a chiudere una Serie A con 26 gol all’attivo furono Hernan Crespo nella stagione 2000/01 e Giuseppe Signori nell’annata 1992/93.