Gabriele Savino ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto in collegamento a Lazio Style Radio, 89.3 FM.
"Come attaccante esterno mi piace Candreva, quando giocavo io la fascia dovevi farla tutta!
Inter-Lazio è stata una partita di sacrificio con un bel risultato finale, ha portato un buon morale. Era molto difficile sulla carta, quando poi finisci con la sosta e inizia il mercato, cambia tutto. Per fortuna il morale della vittoria resta ed è utilissimo per ripartire!
Stefano Pioli è artefice di questa Lazio, è un allenatore emergente che sa lavorare e non è facile in una piazza come Roma, a maggior ragione nella Lazio, ma Pioli e il suo staff stanno facendo molto bene. E' stato bravo a tenere il gruppo unito.
Il campionato non ha la continuità della scorsa stagione, ma ora si può recuperare tranquillamente, la squadra è stata anche dimezzata dagli infortuni. Coppa Italia ed Europa faranno da traino per rialzare la classifica in campionato.
 
La squadra ha giocatori importanti, che vogliono tutti. Il reparto difensivo è quello che ha sofferto di più a causa degli infortuni. Ma ha dei grandi giocatori, e vincere a San Siro vuol dire che quei giocatori li hai in squadra e sono quelli che ti fanno vincere le gare.
Non vedo tanta differenza con l'Europa League, anche se il campionato italiano non ha tregua, partite facili non ce ne sono.
In Europa magari trovi squadre che ti fanno più giocare e cambia tutto.
Ma ora non serve un giorno di riposo, sono tornati dalle vacanze, si sono riposati. Ora c'è da allenarsi, è tutto programmato, i carichi di lavoro ed il resto. Si lavora bene e si cerca di trovare soluzioni alternative per affrontare tre competizioni. Le partite incombono e si ripartirà per fare il pieno fino alla fine.
Lazio-Carpi la vedo una partita trabocchetto. E' più facile una partita di cartello, il Carpi ha dimostrato che non vuole mollare e si gioca la salvezza ogni partita. Dopo la sosta sono quelle partite che comportano dei risultati a sorpresa. Comunque sia la sosta ti aiuta a recuperare dei giocatori che erano fuori, e per tirare un po' il fiato.
Io farei giocare durante le feste natalizie, la Serie B ha giocato, ottenendo ottimi risultati.
Secondo me, quest'anno Felipe Anderson non ha ancora trovato quel rendimento che ha mostrato la scorsa stagione. Da uno come lui mi aspetto un maggiore impegno. La squadra la vedo comunque bene ora, magari anche questa situazione ritirerà su le singole prestazioni.
Per il resto delle squadre, la Juventus ha degli ottimi giocatori, hanno ripreso in mano un campionato che due mesi fa sembrava perso. C'è anche il discorso che gran parte dei giocatori bianconeri sono abituati a vincere. La difesa bianconera, reparto importante, è quella ed è salda da anni.
La vedo come favorita, mi piacciono anche Napoli e Fiorentina.
L'Inter ha cambiato tanto, Mancini è molto bravo, nonostante abbia variato tantissime volte la formazione, è riuscito a vincere il titolo d'inverno. E' la squadra sorpresa".