L’ex attaccante biancoceleste Oliviero Garlini è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM.

“Ora i biancocelesti devono ritrovarsi, rimboccarsi le maniche e fare ciò che vuole l’allenatore, contro il Genoa e il Milan c’è stato qualcosa che non è andato. Da fuori è facile parlare, non è bello ciò che si legge sui giornali ma è importante ritrovare la serenità. In certe situazioni bisogna sapersi accontentare e gestire la partita. Dopo i risultati ottenuti ci può stare una battuta d’arresto, qualche singolo l’ho visto sottotono. In situazioni come questa si vede il manico: Inzaghi. Il tecnico avrà sicuramente capito gli errori commessi e metterà, sin da subito, in condizione la Lazio di giocare con la giusta determinazione.

Contro il Genoa l’approccio alla partita è stato diverso dalle altre e questo ha condizionato la gara. Ho visto i rossoblù più volenterosi nel voler vincere e una Lazio in affanno, per la prima volta in questa stagione.

Le assenze di Milinkovic e Lulic si sono sentite, anche se Lukaku non mi è dispiaciuto.

Tutte le partite vanno affrontate con il giusto approccio e mentalità, contro il Napoli bisogna sfruttare le palle inattive con i colpitori di testa visto che i partenopei marcano a zona. Loro, per lo scorrimento della pala, sono i migliori in Serie A e i biancocelesti devono portare aggressività e voglia di arrivare prima sulla palla.

Ci vuole più convinzione nei propri mezzi ed entrare in campo con la caparbietà e la sicurezza dimostrata fino a poco tempo fa, ci può stare perdere ma l’approccio deve essere sempre giusto, con il Napoli mi auguro che possa essere diverso da quello visto lunedì”.