Renzo Garlaschelli, ex attaccante biancoceleste, campione d’Italia nel 1974, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, 89.3 FM.

“Nei mesi scorsi abbiamo visto una Lazio migliore di quella di oggi, la squadra è ancora un po’ sulle gambe. I biancocelesti si sono misurati con due avversarie che hanno tutte le carte per arrivare fino in fondo. Contro Napoli e Juventus la Prima Squadra della Capitale non ha fatto malissimo ma diversi elementi della rosa non sono ancora al 100% della condizione fisica.

Domenica sera contro il Frosinone, la squadra di Inzaghi non dovrà regalare nulla all’avversario ed i giocatori dovranno scendere in campo senza pensare a quanto accaduto nei primi 180 minuti e con la giusta convinzione nei propri mezzi: l’avversario è alla portata.

Inzaghi poteva inserire un attaccante in più sia contro il Napoli che contro la Juventus, ma non è detto che il corso delle due gare poteva cambiare. Nel tempo, ci sarà spazio per tutti, la stagione è densa di impegni tra campionato, Europa League e Serie A.

Marusic è stato uno dei migliori contro la Juventus, è un buon giocatore, quando non c’è stato la sua mancanza si è avvertita; lo stesso discorso vale per Wallace. Non è giusto criticare quando non si riesce a vincere in una partita contro un avversario del calibro dei bianconeri.

Le scelte di campo nella sfida contro il Frosinone spetteranno solo ad Inzaghi; il tecnico schiererà come sempre l’undici migliore. L’allenatore biancoceleste fa bene a tenere l’intera rosa sulla corda”.