Al termine di Lazio-Frosinone, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza dalla sala stampa dello Stadio Olimpico.

“Quest’oggi è vero, hanno giocato dall’inizio calciatori che erano già presenti nello scorsa annata sportiva, sono uomini che conoscono il mio modo di lavorare e che si sono sempre ben espressi, ma ad esempio contro Juventus sono entrati tre nuovi arrivati, ovvero Durmisi, Badelj e Correa. Avrò bisogno di tutti nel corso della stagione perché a breve torneremo a giocare ogni tre giorni e sono sicuro, a tal proposito, che tutti i miei ragazzi si faranno trovare pronti perché lavorano sempre nel modo giusto.

Non siamo stati fortunati in occasione del sorteggio dei gironi di Europa League, ma tutte le gare vanno affrontate. Ci attende uno dei gruppi più complicati della competizione ma ci dovremo far trovare pronti perché c’è molta fiducia per quanto riguarda la manifestazione continentale. Avevamo bisogno di una vittoria questa sera, i ragazzi se la meritavano. Abbiamo grandi pressioni a Roma, ma abbiamo la fortuna di avere dei grandi tifosi: nonostante un palo e tante occasioni nitide, al termine del primo tempo avremmo potuto sentire dei fischi che, invece, non sono arrivati. Questa manifestazione da parte dei tifosi mi ha dato grande carica perché ultimamente avevamo avuto molta sfortuna sotto porta, la nostra gente ci è stata vicina e voglio ringraziarli perché uniti possiamo centrare grandi traguardi.

Immobile vorrebbe essere sempre in campo: questa sera si è battuto al meglio, ma avevo bisogno di Caicedo negli ultimi minuti di gioco per tenere qualche pallone nella metà campo avversaria. Auguro al mio numero 17 il meglio in vista del ritorno in Nazionale.

C’è grande rispetto e molta stima tra me e Moreno Longo. In passato ci eravamo affrontati tre volte e lui era riuscito ad avere la meglio per due volte ai supplementari ed in una circostanza ai rigori: questa sera ho visto un Frosinone vivo e tutte le squadre che sfideranno i gialloblù avranno dei problemi a superarli. Siamo il miglior attacco in carica, ma torneremo a segnare anche quest’anno: se avessimo sbloccato il parziale nella prima frazione di gioco, avremmo siglato qualche rete in più. Siamo contenti e sappiamo che tra due settimane dovremo battagliare nuovamente ad Empoli”.