Al termine di Lazio-Fiorentina, il vice-allenatore biancoceleste Massimiliano Farris è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky.

“Il nostro lavoro è dare il massimo delle informazioni ai nostri calciatori e preparare tatticamente la gara neutralizzando, quando possibile, le qualità avversarie e colpendo nei punti deboli. I ragazzi pensano al resto. La Lazio fa più rumore dopo due sconfitte piuttosto che a seguito di cinque vittorie. Noi siamo reduci da sei vittorie e da due sconfitte nelle ultime otto gare, eravamo convinti che la sconfitta di Francoforte poteva toglierci energie fisiche, infatti la Fiorentina è uscita meglio dalle nostre pressioni nella ripresa usufruendo anche di maggior possesso palla.

Abbiamo condotto bene alcune ripartenze creando più occasioni dei viola, potevamo gestire meglio, ma c’era anche una buona pressione da parte nostra. La squadra è compatta, segue ed ha fame, noi lo sapevamo: alcuni giocatori per noi importanti hanno attraversato dei periodi difficili, ma il segnale è stato dato inequivocabilmente da parte della squadra. La gente ci ha visti in difficoltà, ha iniziato ad alzare la voce e ci ha dato una grande mano per portare a casa i tre punti. I nostri sostenitori non sono mai mancati e c’è grande feeling tra noi e la nostra gente: riconoscono il nostro lavoro spingendoci al successo e questo è l’aspetto migliore. Capiscono bene anche quale sia il momento che stiamo affrontando durante il match.

La Fiorentina difende a quattro e costruisce a tre e non era facile da andare a prendere: il lavoro svolto da Caicedo e Correa è stato molto importante. Contenere le folate offensive di Chiesa, Simone e Piaca era fondamentale e ci siamo riusciti: abbiamo concesso qualche cross, ma abbiamo segnato su palla inattiva. I dettagli fanno la differenza ed abbiamo visto anche una squadra determinata e vogliosa, proprio come la volevamo. Non era facile ricaricare le batterie in pochi giorni in vista di questo match, in classifica abbiamo 15 punti e ce la giochiamo con le prime della graduatoria. L’importante sarà restare in vetta per giocarcela al meglio. I ragazzi hanno costruito sfruttando le corsie, mentre ci siamo difesi centralmente evitando imbucate centrali. I viola hanno buona fisicità e, come abbiamo visto nelle ultime gare, i calci piazzati sono fondamentali in termini di risultato. A causa di stanchezza fisica non siamo riusciti a gestire al meglio, ma abbiamo sofferto portando comunque a casa i tre punti: è assolutamente un buon segnale”.