Mister Eugenio Fascetti è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky.

“Con la Lazio io ho sempre avuto un filo conduttore, ho esordito con questa squadra, ho giocato con l’Aquila sul petto e poi ho guidato la Prima Squadra della Capitale dalla panchina nell’anno del -9.

In particolare, quella stagione ed anche quella successiva, sono state due stagioni bellissime, poi com’è finita non c’entra nulla. Vado spesso a Milano per la riunione con i club della Lazio e incontro sempre vecchi amici ed i miei ex giocatori. C’è sempre un bel rapporto con tutti. All’inizio del campionato 1986/87 eravamo più vicini alla Serie A che alla Serie C poi siamo calati drasticamente.

Simone Inzaghi sta facendo bene, più di quello che avevo preventivato tre anni fa quando prese il timone della panchina biancoceleste. Manca poco per compiere il definitivo salto di qualità. Deve riuscire a vincere con le big, ma bisogna essere soddisfatti di questa squadra. Immobile quando indossa la maglia della Prima Squadra della Capitale è più tranquillo e convinto dei suoi mezzi rispetto a quando gioca con la Nazionale.

Un allenatore deve gestire al meglio lo spogliatoio e poi essere bravo a mandare in campo i migliori. Sarò sempre riconoscente ai tifosi biancocelesti per la loro passione in quell’anno ci hanno veramente salvato”.