Renzo Garlaschelli, ex attaccante biancoceleste, campione d’Italia nel 1974, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, 89.3 FM.

“Ho conosciuto qualche anno fa Gabriele Paparelli. Ricordo quella domenica molto strana, prima della partita c’era qualcosa che non funzionava, ho tanta confusione, si è verificato un fatto straordinario. Ci siamo messi poi d’accordo perché la sfida finisse con un risultato di parità per provare a tranquillizzare un po’ gli animi. Fu qualcosa di assurdo, a prescindere dal fatto che capitò ad un tifoso biancoceleste.

In vista della sfida di domani, non parlerei di rivincita per quanto accaduto il 20 maggio scorso. L’Inter è una buona squadra, la Lazio contro il Marsiglia mi è parsa in saluta. Peri i biancocelesti sarà importante non perdere contro la squadra di Spalletti, merita un posto nelle prime quattro posizioni della classifica.

Acerbi non sta facendo rimpiangere de Vrij. Immobile è un attaccante da 60 reti in due stagioni, è un giocatore indiscutibile”.