Alla vigilia di Lazio-Milan, il tecnico rossonero Gennaro Gattuso ha presentato la sfida in conferenza stampa.

“Ho visto la squadra viva, mi piace lo spirito, sono soddisfatto. I ragazzi hanno voglia, sono consapevoli del momento, resto convinto che faremo una grandissima partita. La Lazio è una squadra che riempie bene l'area di rigore, ha cambiato poco dallo scorso anno ma la filosofia di gioco è rimasta la stessa, sa far male sia sulle fasce che con l'attacco alla profondità: Immobile ne è l'esempio.

Ci sono molti giocatori indisponibili, ma non voglio scuse. Dobbiamo stringere i denti e cercare di far punti per migliorare la classifica. Romagnoli e Musacchio spero di averli a disposizione tra poche settimane. Quest'anno siamo arrivati a cinque infortuni muscolari, è un dato inferiore rispetto ai numeri delle ultime stagioni. Il tutto si nota maggiormente perché si sono fatti male tutti insieme, Romagnoli, Biglia e Caldara. Solo quest'ultimo si è fatto male scattando, gli altri no. Calhanoglu? Sta migliorando. Nelle ultime settimane ha giocato al 50%, così come Kessie.

Higuain sta dando tanto, ma deve migliorare sotto l'aspetto del nervosismo. Il rigore? Si è sentito di calciarlo, ci sta anche l'errore. Li ha sbagliati Maradona! Gonzalo non deve ascoltare quello che viene dall'esterno. Cutrone deve disputare la sua partita, sfruttando le occasioni che gli capiteranno. Non deve sentire troppe responsabilità. Va lasciato tranquillo.

“La partita con la Juventus non è stata tutta da buttare, loro sono i più forti del campionato. La differenza c'è e si nota. Anche nella sfida contro l'Inter abbiamo perso per episodi, non ci hanno messo alle corde. Quando affrontiamo queste squadre lo facciamo con l'atteggiamento giusto. Ho vissuto un anno bello da allenatore del Milan. Il gruppo è valido, i ragazzi danno sempre il massimo e hanno sempre voglia di migliorarsi. In un anno siamo cresciuti tanto, riuscendo ad alzare con costanza l'asticella".