Oliviero Garlini, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto quest’oggi ai microfoni di Lazio Style Radio, 89.3 FM.

“C’è qualche problema, non sotto l’aspetto mentale, ma perché i giocatori che erano sugli scudi lo scorso anno ora stanno dando poco. Il ritiro vuol dire che qualcosa non quadra. Contro il ChievoVerona la Lazio è andata in difficoltà, sarebbe stata necessaria più compattezza e concretezza.

Acerbi sta giocando alla grande. Bisogna ritrovare più costantemente la strada del gol ed avere idee chiare quando si scende in campo. Servono gli inserimenti dei centrocampisti. Al fianco di Immobile sono necessari giocatori che gli creano spazio. È importante la fisicità di Caicedo.

La Sampdoria è in alto mare. È altalenante, ma ha un grande attacco. Quagliarella è un giocatore che ha fame di segnare nonostante i suoi 35 anni. Agisce per la squadra e per il gruppo. È molto pericoloso. Giampaolo predilige il gioco offensivo e cerca di schierare calciatori fisici che colpiscono la palla di testa e che sono molto rapidi”.