Oliviero Garlini, ex giocatore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 Sky.

“A mio parere la Lazio non ha creato molto ieri contro l’Atalanta. È mancata l’aggressività e gli stimoli giusti per recuperare la partita, occasioni vere e proprie per riagguantare la partita non ci sono state. Manca tanto Leiva, è un giocatore imprescindibile per questa squadra. L’assenza di questo giocatore ha condizionato un po’ la partita. Mi è piaciuto il mio in cui è entrato in campo Luis Alberto.

Sono tante le situazioni che deve studiare Inzaghi, bisognerebbe giocare con le due punte. Ho apprezzato tanto Correa e il suo muoversi fra le linee. Il Tucu e lo spagnolo possono convivere tranquillamente, ieri sono mancati gli inserimenti dei centrocampisti. Correa è più portato a giocare dalla metà campo in su mentre Luis Alberto forse è più bravo a sacrificarsi.

Contro il Cagliari bisognerà assolutamente vincere in qualsiasi modo, non possiamo più perdere altri punti per strada. Mancano tre partite alla fine di questo girone di andata, sono tutte complicate. Ieri nel match contro la squadra allenata da Gasperini forse avrei rischiato qualcosa in più: non ho visto questa propensione al gioco offensivo. In questo momento non gira nulla nel verso giusto, dobbiamo continuare ad inseguire il posto in Champions, quest’anno può essere la volta buona, a patto che non si commettano più gli errori passati. Bisogna capire il mister su che strada vorrà proseguire a livello di uomini e di moduli. Leiva è un elemento importantissimo, gioca per la squadra, è il primo a difendere ma anche ad attaccare. Spero che con il suo rientro la Lazio riacquisti equilibrio e compattezza”.