Stefano Re Cecconi, figlio di Luciano Re Cecconi, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky:

"Non c'è mai rimedio alla perdita di un padre o ad una tragedia del genere, fa piacere nella sfortuna essere comunque una persona fortunata. Ho sempre percepito l’affetto delle persone, un sentimento che non era assolutamente dovuto, mi fa piacere ed in parte ciò non mi ha fatto sentire completamente solo. Se ne sono andati due uomini come Mario Facco e Felice Pulici che erano due bellissime persone. Su Felice ancora non mi sono ripreso, è un'assenza molto pesante, è stato un uomo che in questi anni a suo modo con la sua sensibilità si è sempre fatto sentire. Una bellissima persona, un gran bel pezzo di Lazio, innamorato follemente dei colori biancocelesti.

Io me li immagino insieme con la passione di Felice e la calma controllata di papà, mi fa piacere pensarli così. Erano tutti figli di Tommaso a quel tempo, ognuno con le sue caratteristiche e particolarità, Giorgio Chinaglia era quello che andava seguito di più. Maestrelli è stato il vero artefice di quella squadra che ha messo insieme uomini con caratteristiche particolari. Sempre forza Lazio e grazie a tutti per il pensiero".