Nel post partita di Napoli-Lazio, il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dallo Stadio San Paolo di Napoli:

“Nel finale all’arbitro Rocchi ho detto che i due cartellini gialli ricevuti da Acerbi sono stati ingiusti. Ero sicuro della valutazione errata nella prima sanzione, non della seconda perché ero lontano. Rivedendo l’episodio è stato evidente l’intervento del numero 33 sul pallone: Callejon è stato il più furbo di tutti. Il Napoli ha meritato la vittoria, ma mi sarebbe piaciuto giocare gli ultimi 25 minuti in parità numerica. L’espulsione di Acerbi è stata inventata come il rigore contro il Torino, ma questo non è un alibi. Ero arrabbiato al termine del primo tempo e l’ho fatto vedere ai miei ragazzi, ma hanno reagito e dopo aver accorciato le distanze ce la saremmo giocata fino alla fine undici contro undici.

Nonostante l’approccio discreto con l’opportunità per Milinkovic, il Napoli ha giocato bene tecnicamente e dovevamo fare meglio. Le altre concorrenti al quarto posto corrono, ma ci sono ancora 18 gare a disposizione. Dovremo ripartire dagli ultimi 20 minuti perché domenica prossima ci attende una gara insidiosa nella quale dovremo farci trovare pronti nonostante assenze di Luiz Felipe, Acerbi e Marusic.

C’è unità d’intenti con la Società e se uscirà qualcuno entreranno altri calciatori. Abbiamo perso una gara importante per la classifica, ma nulla è compromesso: ci aspettano 18 sfide aperte che dovremo giocare come le ultime cinque”.