Oliviero Garlini, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM: 

"Nella sfida contro il Genoa di ieri i biancocelesti dovevano dare di più, ci sono delle difficoltà che solo Inzaghi può sistemare. La gara dopo l’1-0 andava gestita, loro ci hanno creduto fino alla fine ed ora noi paghiamo dazio. La Lazio è una squadra che sa diventare grande quando vuole, ma con il Genoa ha fatto molta fatica.

Milan Badelj ha rappresentato una nota lieta, sta bene fisicamente ed ha disputato una splendida gara. Le assenze dei giocatori stanno pesando molto sull’economia della squadra, sono troppe le defezioni da parte nostra. Si può recriminare quanto si vuole, ma contano i risultati e le prestazioni, non bisogna subire gol in nessun caso. I biancocelesti stanno soffrendo molto e di conseguenza non riescono a trovare le soluzioni più adatte per uscire fuori da questa situazione. Sotto l’aspetto degli infortuni, i calciatori si stanno recuperando piano piano, soprattutto in difesa che è il reparto più nevralgico. Bisogna dare il massimo nelle successive partite, ora c’è il Siviglia, una squadra ostica ed organizzata.

La Lazio deve essere convinta nei propri mezzi e fare il massimo, poi si penserà alla partita successiva. Solo segnando il prima possibile si potrà sperare nel passaggio del turno. Immobile potrà essere determinante nella sfida contro gli spagnoli, un giocatore che offre profondità e vena realizzativa. Ci sarà anche il ritorno di Milinkovic che dovrà giocare in modo semplice e dare fisicità al centrocampo biancoceleste. Romulo è un calciatore d’esperienza e di affidabilità, Inzaghi punta molto su di lui. Può giocare in quasi ogni ruolo del campo. Bisognerà essere lucidi e bravi al meglio nel gestire le risorse per provare a passare il turno. La classifica ora si è complicata, le inseguitrici stanno correndo, bisognerà riprendere la marcia fin da subito. Bisognerà cominciare a pensare partita dopo partita senza fare piani o calcoli".