Dino Zoff, ex allenatore e presidente biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM:

"Il calcio attuale è interessante, è abbastanza vario. Nel prossimo weekend si disputeranno Lazio-Roma e Napoli-Juventus. Due partite che per me significano molto. Mi auguro che la stracittadina vada a finire bene, sono dispiaciuto per la Lazio che ha ridicolizzato il Milan e poi è comunque a sette punti di distanza in classifica. Ho sempre creduto nelle potenzialità dei biancocelesti e ne sono sempre convinto. Bisogna crederci, il quarto posto è alla portata della Prima Squadra della Capitale. Il segreto è così semplice per il derby, non bisogna caricare oltremodo la squadra, già ne parlano tutti, è necessario non creare ulteriori responsabilità per la squadra, ne ha già tante.

La Roma è un'ottima squadra, ma i biancocelesti devono avere la condizione di poter vincere, bisognerà stare attenti dietro e mantenere l’equilibro è la cosa fondamentale. La storia con la Lazio è motivo di orgoglio per me, conservo sempre ricordi piacevoli. Il derby che si stava perdendo 2-0 e poi pareggiato 2-2 in quindici minuti con il gol di Castroman allo scadere è un ricordo bellissimo, significa che la squadra non ha perso la testa ed è rimasta concentrata fino alla fine.

Io ho convocato i due Inzaghi insieme in Nazionale, l’allenatore non finisce mai di imparare, il mister biancoceleste è un ottimo tecnico, è arrivato già ad un grandissimo punto. Il calcio non è cambiato rispetto al passato, è il comportamento dei giovani che è diverso rispetto al passato. Ribadisco che la cosa importantissima è l’equilibrio in una squadra. Mi auguro che la Lazio mantenga una carica “fredda” per il derby, e mi impressioni in maniera positiva così come nel match contro il Milan".