Fabio Poli, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio, 89.3 FM.

“Non prendere gol dipende dai meccanismi di gioco, ma anche da quanto tempo si ha il pallone tra i piedi: se ad impostare è sempre la Lazio, è difficile che gli avversari riescano a segnare. In attacco i biancocelesti sono letali, con elementi come Luis Alberto, Caicedo, Milinkovic, Immobile e Caicedo.

L’ecuadoriano è entrato nella storia biancoceleste, è un grande riconoscimento. Qualsiasi attaccante biancoceleste può esaltarsi vista l’elevata dose di opportunità che questo undici costruisce in ogni partita, giocando con continuità può fare grandi cose. È un attaccante fisico ma anche di qualità.

Il serbo spizza molti palloni, favorendo l’inserimento da dietro dei compagni. Le possibilità sono molte, ma in primis i giocatori devono essere in forma. 

Leiva è un calciatore prezioso, ha tempi incredibili, sia in fase di costruzione che di distruzione, in alcune partite è mancato ma ora è tornato sui suoi standard.

Muriel ha le giocate del grande campione, ha enormi qualità. Le ripartenze della Fiorentina possono essere letali: in rosa Pioli può contare su elementi di elevata velocità. È normale accusare dei problemi contro la Viola, ma la Lazio è una grande squadra”.