L’ex attaccante biancoceleste Oliviero Garlini è intervenuto quest’oggi ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky: 

“La Lazio in questo momento non sembra serena, alla formazione biancoceleste sta mancando un po’ di tranquillità. L’esempio di questa situazione è Ciro Immobile: sul rendimento del numero 17 biancoceleste può aver inciso certamente l’ultima esperienza con la Nazionale italiana. Non è facile segnare a determinati livelli, ma serve più fiducia e più tranquillità all’interno del gruppo. Alcuni singoli della Prima Squadra della Capitale, comunque, sono in crescita. Ora, però, la Lazio è chiamata a raccogliere i tre punti nel prossimo match casalingo con l’Udinese. 

Quando si affrontano squadre di bassa classifica, comunque, bisogna mettere sul campo qualcosa in più. La Lazio ha le possibilità e le capacità per superare queste squadre. Gli uomini di Inzaghi ora devono rimboccarsi le maniche e giocarsi al massimo la partita con il Milan di sabato prossimo. L’incontro con i rossoneri sarà decisivo, ogni componente del gruppo biancoceleste dovrà aiutare il proprio compagno. La squadra è viva e può lottare per la Champions, ma deve dare qualcosa in più ed entrare sempre in campo con la stessa voglia di vincere. 

Nella gara contro il Sassuolo mi ha colpito positivamente Adam Marusic: l’esterno montenegrino ha aiutato molto il gruppo, in fase offensiva come in quella difensiva. Nei prossimi impegni la Lazio affronterà Atalanta, Sampdoria ed il Milan anche in Coppa Italia, i biancocelesti dovranno gestire al meglio queste gare. Il Milan in questo momento sta faticando molto a livello di gioco, ma anche in fase difensiva”.