Dopo il triplice fischio di Lazio-Atalanta, l'allenatore dei biancocelesti Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa dallo Stadio Olimpico di Roma:

“Siamo partiti bene, potevamo gestire meglio qualche ripartenza, abbiamo sbagliato qualche contropiede di troppo. A fine primo tempo il risultato era giusto date le azioni offensive effettuate da entrambe le parti. Poi c’è stato un errore individuale nel secondo tempo, dopo il 2-1 mi aspettavo una reazione maggiore che non c’è stata.

La sostituzione di Caicedo è dovuta al fatto che volevo mantenere lo stesso assetto ed inserire Correa, Caicedo era già ammonito e ho optato per lui, ma stava giocando benissimo ed anche Immobile mi stava soddisfacendo.

L’Atalanta è un avversario ostico e difficile da affrontare, in finale di Coppa Italia ce la giocheremo alla pari, i particolari faranno la differenza. Sarà una gara equilibrata e competitiva. Per l’Europa qualcuno ha corso di più, mi riferisco all’Atalanta e all’Inter, con le altre siamo tutte raggruppate in un grosso blocco, dovevamo ottenere di più nelle due gare casalinghe. L’obiettivo è che si raggiunga l’Europa a prescindere dalla finale di Coppa Italia, bisognerà ottenerlo attraverso il campionato.

Wallace la settimana scorsa ha disputato una grande gara ed oggi ha giocato per 60 minuti a buoni livelli, poi è incappato in un errore individuale, ma durante la settimana si era allenato bene. È un mio giocatore e lo difenderò sempre; come a lui poteva capitare a chiunque. Abbiamo approcciato male al secondo tempo, ma potevamo essere pericolosi in alcuni frangenti e prima della rete dell’Atalanta sembravamo aver raddrizzato le cose. Il problema è stato dopo il 2-1, dovevamo sicuramente essere migliori e reagire.

Nel secondo tempo subiamo più reti rispetto al primo, è vero, il pareggio dell’Atalanta è arrivato in seguito ad un tiro sbagliato di Freuler. Troppi errori a livello tecnico sono stati commessi oggi. Certamente Milinkovic e Lulic ci avrebbero aiutato molto in questo match, ma non bisogna guardarsi indietro o recriminare. Abbiamo giocato una buona gara, poi gli episodi sono stati a sfavore e ci hanno condizionato”.