Terzo successo esterno consecutivo tra campionato e TIM Cup per la Prima Squadra della Capitale che, dopo aver espugnato San Siro ed aver raccolto i tre punti in casa della Samp, ieri si è imposta per 2-1 in trasferta sul Cagliari.

La formazione di Simone Inzaghi è riuscita a raccogliere bottino pieno alla Sardegna Arena grazie alle marcature siglate da Luis Alberto e Joaquin Correa. I biancocelesti, in tal senso, sono riusciti a sfruttare al meglio 2 delle 5 conclusioni effettuate verso la porta avversaria. La squadra capitolina, inoltre, ha creato 8 occasioni da gol a seguito di 21 azioni manovrate.

Inzaghi

 

 

 

Individualmente, il calciatore biancoceleste ad aver giocato più palloni nel corso dei 90 minuti di gioco è stato Luis Alberto: lo spagnolo ha toccato la sfera ben 77 volte. Tra i capitolini, inoltre, nessuno ha portato a termine più passaggi di Magic Luis; lo spagnolo è riuscito a toccare quota 62. Particolarmente preciso in fase di costruzione è stato Caicedo: FeliPanther hanno concluso la sfida in terra sarda portando a buon fine il 93% dei passaggi tentati. In fase d’interdizione, invece, i più efficaci  sono stati Senad Lulic e Luis Alberto: i due biancocelesti ha intercettato il pallone in 4 occasioni. Sotto il punto di vista atletico, Luiz Felipe è stato il calciatore ad aver macinato più chilometri in assoluto nel corso di Cagliari-Lazio: il difensore italo-brasiliano ha percorso 10,337 chilometri. Offensivamente, la Lazio ha costruito ben 38 azioni d’attacco: 15 di queste sono state sviluppate sulla corsia di sinistra, 9 centralmente e 14 sul binario di destra.  

 

 

 

 

 

Gruppo

Al termine del match, Luis Alberto è stato eletto come il Most Valuable Player del match. Il numero 10 della Prima Squadra della Capitale ha siglato la sua quarta rete con la maglia della Lazio in Serie A (la settima in stagione) sfruttando l’unica occasione da gol avuta. Complessivamente, però, l’argentino ha giocato ben 49 palloni. In fase di non possesso, il numero 11 biancoceleste, ha recuperato il pallone dai piedi avversari in una circostanza.