Dopo il triplice fischio di Torino-Lazio, il centravanti biancoceleste Luan Capanni è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky: 

“Ho vissuto una grande emozione, questo è il giorno più bello della mia vita. Devo ringraziare tutti i miei compagni di squadra che mi hanno lasciato tranquillo in vista di questo esordio. Ho pensato al 26 maggio ed al mio numero di maglia (71, ndr), ci ho pensato mentre ero in hotel. Sono molto felice del mio debutto, devo ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato finora e tutto il personale della Lazio che ha contribuito al raggiungimento di questo traguardo. Ho lavorato molto e devo ringraziare Tare che ha intuito che potessi giocare come prima punta. Inzaghi mi ha aiutato ad approcciare al ruolo, mentre devo ringraziare anche Valter Bonacina per avermi aiutato ogni giorno in Primavera. Era difficile cambiare la posizione ogni volta con lui, ho svariato in molti ruoli e sono felice di essermi ben espresso. 

Ho provato una grande emozione al momento dell’ingresso in campo, pensavo a questo giorno da quando sono bambino. Quando sono entrato ho notato subito la grande velocità di gioco, ma ho notato anche l’erba ed il pallone: è un sogno per me, non dimenticherò mai questo giorno. Il mio primo pallone? Avevo spazio ed ho provato a calciare, anche se purtroppo la sfera non è entrata in porta. Ancora non ho guardato il telefonino ma sicuramente avrò ricevuto tanti messaggi dalla mia famiglia e dai miei amici. 

Il mister mi ha chiamato, ha aspettato e poi mi ha detto di scaldarmi bene perché sarei entrato: devo ringraziare Inzaghi per la sua fiducia. Sto vivendo un sogno come indossare la maglia di un grande club Europeo come la Lazio. La stagione si è conclusa meravigliosamente, ora andrò in vacanza sperando nella nuova annata”.