Oliviero Garlini, ex attaccante biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky.

“Contro la Sampdoria la Lazio aveva fame e voglia di vincere. La squadra ha fatto una prestazione eccezionale ed è molto importante che Immobile sia tornato al gol con una doppietta, così come le prestazioni di Milinkovic e Luis Alberto. La Lazio ha concretizzato nel miglior modo possibile la grande mole di gioco creata e Ciro ha fatto dei gol da bomber vero. Correa sicuramente è l'uomo cardine di questa squadra, gioca tra le linee e salta facilmente l'uomo. Inoltre adesso ha anche iniziato a segnare con regolarità. Lazzari invece ha già dimostrato che in questo gruppo ci può stare benissimo. Vincere all'esordio ha dimostrato che la Lazio può dire la sua con tutti gli avversari. Il ds Tare ha fatto un grande lavoro, così come Inzaghi e il suo staff nella preparazione.

La Lazio ora dovrà scendere in campo nel derby con la stessa mentalità portata a Marassi contro la Sampdoria. Non dovrà permettere ai giocatori della Roma di sfruttare le fasce e marcare a uomo Dzeko, l'uomo su cui si basa il sistema di gioco dei giallorossi. Comunque il derby non dipende solo dalla tattica o dal gioco, ma anche dalla fortuna. La Roma  inizierà la partita con la voglia e la cattiveria di dimostrare che il pareggio con il Genoa è stato solo un passo falso, la squadra di Inzaghi quindi dovrà tenerle testa e cercare di segnare per prima, prendendo in mano le redini del gioco.

Le concorrenti al quarto posto sono tutte agguerrite, ma se la Lazio riuscirà a trovare i meccanismi giusti potrà dire la sua e arrivare in Champions League. I biancocelesti hanno giocatori importanti che hanno fame e voglia di mettersi in mostra, soprattutto i nuovi. Questo va tutto a vantaggio della Lazio: quest'anno potrà fare bene”.