Il Presidente della S.S. Lazio, Dott. Claudio Lotito, è intervenuto durante la conferenza stampa di presentazione del progetto ‘CALCIO – EDUCAZIONE – CULTURA’.

“La vostra presenza qui significa che ciò di cui stiamo parlando è un tema che sta a cuore a molte persone: questo progetto trova riscontro nella società civile. Ripeto sempre: «Mens sana in corpore sano». Oltre alla vigoria fisica, va allenata anche la mente. Chi può acquisire nozioni, può autogestirsi meglio, massimizzando il concetto di razionalità che dovrebbe sovrintendere le nostre azioni. Ognuno di noi deve conoscere sé stesso e per farlo deve capire che nella vita non contano solo i risultati materiali, ma anche quelli umani. L’essere umano va valutato a 360°. Il calcio ha un grande potere mediatico, gli atleti diventano così degli esempi e ciò li obbliga a dover far crescere i giovani. Sono stato un fautore del calcio femminile, ci siamo attivati realizzando delle norme che obbligassero i club ad allestire anche squadre composte da calciatrici. Le donne sono fondamentali.

L’aspetto più importante è dare risposte concrete, non bastano i proclami: per farlo, occorre fornire punti di riferimento certi ai giovani. Oggi non vengono più tramandati i veri valori, l’unica via resta sempre più lo sport, ed in particolare il calcio, perché ogni neonato dialoga facilmente con la palla. I beniamini vengono seguiti da tutti nei comportamenti, per questo l’atleta deve seguire le regole, raggiungere gli obiettivi con il merito e rispettare i principi valoriali. La Lazio, semplicemente, applica questi schemi: attua una serie di iniziative per far sì che tutti possano raggiungere i propri obiettivi.

Con i nuovi strumenti, ogni atleta può prepararsi in modo interattivo, in questo senso la rete è enormemente di aiuto: ogni atleta può studiare molto più facilmente che in passato. Spero che la Lazio possa dare un contributo fattuale, aprendo un percorso da allargare agli altri club e ad ogni altro sport. In precedenza, gli ambiti sportivi e scolastici erano separati ed invece la mente e la cultura aiutano anche nell’ambito sportivo, dando forza e libertà di decisione agli atleti”.