Il tecnico biancoceleste, Massimiliano Catini, è intervenuto nel post partita di Lazio Women-Juventus ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky: 

“Abbiamo fatto un buon primo tempo, con un approccio giusto sfiorando anche il vantaggio. La preparazione della gara è stata perfetta, c’è stato il giusto approccio e non ci siamo disuniti con il gol della Juventus. Bravi noi a pareggiare, potevamo forse chiudere in vantaggio. 

Il secondo tempo è tutt’altra cosa. Ci siamo spenti, e dobbiamo capirne il motivo. Non credo possa essere colpa solo del gol del 1-2. C’è stato un blackout ma dobbiamo capire il motivo. Ci siamo un po’ disuniti, la voglia di recuperare e mettere in difficoltà un avversario importante come la Juventus ci ha spento. Abbiamo permesso alla Juve di colpirci nei punti dove cercavamo di essere più attenti. L’1-5 non rispecchia quella che è stata la prova delle ragazze. 

Noi continuiamo a credere nella possibilità di agganciare il Napoli al terzultimo posto. Sarebbe la giusta ricompensa per quello che è stato il mio percorso da allenatore di questa squadra. Alle ragazze ho poco da rimproverare, siamo cresciuti, siamo migliorati e non abbiamo mai mollati. Ci abbiamo provato fino alla fine, ma credo che queste ragazze di più non potessero dare. Faccio i complimenti a tutte, ora non dobbiamo mollare. Abbiamo una trasferta importante e dobbiamo dimostrare di essere una squadra matura. Poi avremo il derby nell’ultima giornata e dobbiamo giocarlo al massimo.   

Alla fine del campionato tireremo le somme. Abbiamo fatto un lavoro programmato e attendiamo di sapere dalla società quello che succederà dopo, dovrà valutare la stagione e decideremo il da farsi. Per noi il futuro si chiama “martedì” che scenderemo in campo per allenarci”.