Damiano Franco, difensore della Primavera biancoceleste, è intervenuto quest'oggi ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM: 

"Sono al decimo anno di Lazio e sono molto contento del percorso svolto finora. Nel salto dall'Under 17 alla Primavera sono stato agevolato, perché nella passata stagione avevo già raccolto delle convocazioni. Lavorare con la Primavera è sicuramente più impegnativo. Sono un difensore con il vizio del gol, nei tre anni appena passati avrò segnato circa 30 gol. Siamo un gruppo molto unito, affrontiamo ogni difficoltà insieme. Non credo ci siano dei leader, ogni membro è importante: non siamo in un momento facile, ma abbiamo parlato e siamo concentrati sul derby di sabato. La gara con la Roma si sente, è la partita dell'anno. Lo staff tecnico ci da tanti consigli, Menichini e D'Urso stanno lavorando nei dettagli. Dobbiamo essere più cattivi in fase offensiva perché anche con la Juventus avremmo potuto ottenere un risultato positivo. La squadra mi fa stare tranquillo, io mi ispiro a Sergio Ramos perché anche lui segna molto. È un'emozione indescrivibile segnare in partitelle di allenamento, marcare Correa è un sogno per qualsiasi difensore. Non ho parlato con i grandi, ma in fisioterapia ho parlato con il Tucu e mi disse di stare tranquillo, perché anche lui aveva patito lo stesso infortunio. La Primavera della Lazio è un bel gruppo, ci manca qualcosa per fare il salto di qualità. I miei genitori sono molto contenti del mio percorso. Il mio obiettivo è giocare con più costanza e magari un giorno arrivare in prima squadra. Avere Inzaghi in prima squadra è una motivazione in più, perché è un tecnico che osserva molto i giovani. Finora la squadra più pronta della categoria Primavera è l'Atalanta, ma anche il Cagliari ci ha messi in difficoltà. A noi manca un po' di cattiveria sotto porta. Indossare la maglia della Lazio non è per tutti, ha un peso in più: tutti vorrebbero vestire questa casacca. Una volta ho segnato in un derby, è da brividi solo a ripensarci. Spero che possa arrivare il risultato sabato, tutti abbiamo voglia di vincere. Il mio primo gol l'ho dedicato alla mia famiglia perché so che mi seguono sempre".