Marco Bertini, centrocampista della Primavera biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, 233 di Sky.

"La quarantena è stata difficile, l'ho passata studiando ed allenandomi. Ogni giorno lo staff ci invia il lavoro da fare e lo seguiamo. Ho visto anche molte serie tv. Prima dello stop avevamo trovato la quadratura giusta, con la giusta continuità per risalire. Purtroppo il virus ha stoppato tutto, eravamo in un bel periodo. Il nostro girone di ritorno era partito bene, ottenendo grandi risultati. Il cambio di passo c'è stato dopo la vittoria nel derby, ci ha fatto capire che potevamo andare avanti sulla strada giusta. Abbiamo capito che con le nostre qualità nessuna partita era impossibile.

Siamo un gruppo unito, ci sentiamo spesso. L'esperienza di Menichini è stata fondamentale fin dall'inizio. Sa come gestire una rosa, ci ha aiutato a crescere. Il mio salto in Primavera all'inzio è stato difficile, ho fatto molte tribune e panchine. Sapevo però che con il lavoro tutto sarebbe cambiato, così contro la Roma ho sfruttato l'occasione data da Menichini. Sono soddisfatto del mio minutaggio. Mi trovo bene nel ruolo di mezzala, prima facevo il mediano davanti la difesa ma da quest'anno il mister mi ha cambiato posizione in campo e mi trovo molto bene.

In prima squadra ho modelli importanti, di un'altra categoria come Milinkovic e Luis Alberto. Allenarsi con loro è un privilegio, mi fanno crescere sotto ogni aspetto. Il mio obiettivo, in caso di ripresa, è quello di giocare il più possibile in Primavera ed avvicinarmi alla prima squadra. Il sogno a lungo termine invece è debuttare in Serie A con la Lazio. Sono cresciuto con Franco, un amico ed un grande calciatore".