Ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM è intervenuto l’ex attaccante biancoceleste Oliviero Garlini:

“Il calcio di rigore secondo me era giusto, ma la prestazione della Lazio è stata buona: sono scesi in campo con l’approccio giusto, sono stati bravi a rimontare. Bellissimo il gol di Immobile, su un cross perfetto di Anderson. Tutti devono essere contenti dell’avvio della Lazio, è una squadra organizzata che si è messa sempre in discussione. Credo che sarà un’annata molto buona per i biancocelesti, dovranno essere bravi ora a portare a casa il risultato. Ci può stare in una partita non arrivare ai tre punti. Domani il Cagliari verrà all’Olimpico con cattiveria e  aggressività, la Lazio non deve essere da meno. Quando i biancocelesti giocano con il pallone tra i piedi, dimostrano il loro valore.

Non è facile perdere facendo 3 gol, il Cagliari verrà per fare un risultato positivo e per muovere la sua classifica. La Lazio deve scendere in campo come ha fatto contro il Torino, con concretezza. Deve far scorrere la palla il più possibile per permettere al reparto offensivo di trovare la via del gol.

Secondo me domenica non si doveva prendere il rigore all’ultimo minuto: le braccia non erano giù, lungo il corpo, il braccio destro era un po' staccato. In quelle situazioni ti possono fischiare il rigore. I biancocelesti devono trovare l’approccio giusto al match. La cosa importante è che chi ha giocato domenica si sia comportato benissimo mettendo in difficoltà l’allenatore, perché la rosa è di buon livello e ha dimostrato di potersela giocare con tutti. Anche chi gioca di meno ha la sua occasione.

Inzaghi penso che sia contentissimo perchè il gruppo c’è ed è la cosa che una squadra deve avere per forza: la sicurezza di chi scende in campo e lo fa per giocarsi al meglio la propria chance. Dopo una prestazione così contro il Torino bisogna trovare i giocatori giusti, sarà difficile trovare la formazione migliore. L’allenatore è concento di essere così in dubbio sulle sue scelte: avrà più calciatori da mettere sul piatto.

L'allenatore sarà contento perché sa che tutti danno il massimo. Deve esser bravo Inzaghi a valutare chi sta meglio. Bisogna vedere anche sotto il punto di vista mentale come si sono comportati i giocatori e come si sono allenati. Alla fine se hai tutti i giocatori pronti, ciascuno è pronto a fare la differenza a gara in corso.

Felipe Anderson gioca per la squadra, oltre agli assist sta imparando la fase difensiva. E’ un giocatore che sta acquisendo il carisma e la personalità giusta. E’ importantissimo per questa Lazio. Il brasiliano è un giocatore che sta facendo bene per i compagni e per se stesso, questa squadra ha bisogno di giocatori bravi nell’uno contro uno e che sappiano mettere il palone in mezzo. Gli manca ancora il gol, è quella cosa che ti fa sentire più tranquillo, ma non è una punta che deve farlo per forza. Ha caratteristiche diverse, ed è tra i migliori. Può creare situazioni complicate per gli avversari.

Immobile gioca anche in nazionale, ha segnato anche in azzurro e il suo morale e le sue motivazioni sono altissime. E’ un giocatore che in fase offensiva fa gol in tutti i modi: sia di rapina, sia di testa sia di rovesciata come ha fatto domenica. Era difficile ma la sua convinzione e la sua sicurezza lo hanno portato al gol. Può migliorare solo se dovesse arrivare a 15 gol, parlo di gol perché è la cosa migliore che ci possa essere per un attaccante. Deve portare più gol possibili per acquisire ancora più sicurezza.

De Vrij e Biglia. Bisogna dare fiducia a Inzaghi perché sta dando spazio a giovani che lo stanno ripagando bene, ad esempio Murgia con il gol. Il tecnico ha le idee chiare e farà giocare altri giovani. de Vrij è fondamentale per la Lazio e spero torni al più presto. Biglia è più sostituibile rispetto all’olandese. Al posto dell’argentino possono giocare Murgia, Lulic, Cataldi e Parolo. Per stile, capacità ed esperienza però Biglia può dare moltissimo alla squadra.

Domani i biancocelesti devono stare attenti a ripartire perché se hanno la freschezza giusta, in fase difensiva il Cagliari ha qualche pecca. In fase offensiva invece sono rapidi e hanno esperienza in Sau e Borriello e potrebbero far male: ci deve essere più attenzione e più concentrazione in fase difensiva