È sabato 29 agosto 1998 ed allo stadio Delle Alpi di Torino la Juventus ospita la Prima Squadra della Capitale nella sfida valida per la finale di Supercoppa italiana 1998.

I biancocelesti, vincitori della Coppa Italia nella stagione precedente, giocano in casa dei Campioni d’Italia in carica. La sfida è bloccata ed il primo tempo scivola via con qualche occasione ma al 38’ è Pavel Nedeved a sbloccare la sfida: cross dalla trequarti di De La Pena nel cuore dell’area di rigore, controllo di Mancini che si sposta verso l’esterno, vede l’inserimento del numero 18 biancoceleste e lo serve con un delizioso colpo di tacco: conclusione di prima intenzione del ceco che batte Peruzzi e vale lo 0-1.

A quattro giri d’orologio dal 90’, l’arbitro Bettin decreta un calcio di rigore in favore della Vecchia Signora che Del Piero trasforma con un destro potente e centrale che s’insacca sotto la traversa. In pieno recupero, però, al 93’, su un’altra assistenza di Mancini la Lazio trova il gol-vittoria: il numero 10 biancoceleste tocca con la punta del piede per l’accorrente Sergio Conceicao che dall’interno dell’area fa partire un bolide con il destro che gonfia la rete e consegna alla squadra allora guidata da Sven-Goran Eriksson la prima Supercoppa italiana della nostra storia.

 

Così i biancocelesti quella sera: Marchegiani, Fernando Couto (77' Gottardi), G.Lopez, Mihajlovic (84' Marcolin), Lombardi, Sergio Conceicao, Venturin, De La Pena, Nedved (55' Stankovic), Salas, R.Mancini. A disposizione: Ballotta, Baronio, Rambaudi, Protti. Allenatore: Eriksson.